Assistenti Vocali | l'intelligenza artificiale e tutti i pericoli derivanti

L'intelligenza artificiale nei nostri assistenti vocali può capire quasi tutto di noi, attraverso algoritmi, e può andare anche oltre.



Mentre parliamo possono capire provenienza, sesso, stato d'animo, tramite algoritmi gli assistenti vocali hanno accesso libero alla nostra vita, e possono teoricamente cogliere aspetti della nostra personalità non evidenti.

"Gran parte dell'IA che è stata sviluppata può effettivamente dedurre una quantità incredibile di informazioni personali solo dal suono della vostra voce. Può determinare chi siete e da dove venite, la vostra posizione attuale, il vostro sesso e la vostra età e quale lingua state parlando.Tutto solo dal modo in cui la vostra voce suona quando parlate" .
Questo è quanto stato detto da McLoughlin docente d'informatica all'Università del Kent , esperto massimo di Intelligenza artificiale.
Se fino a qui, ci eravamo arrivati un pò tutti, visto che in effetti l'attivazione dei nostri assistenti richiede anche la "compilazione" di alcuni campi, quali , e-mail. nome e cognome, età ecc ecc. 
Se tutto questo vi sembra comunque già abbastanza inquietante , dovete sapere che c'è dell'altro, continuando McLoughlin " Altri sistemi IA audio possono rilevare se state mentendo, analizzare il vostro livello di salute e benessere, lo stato emotivo e persino se siete o meno in stato di ebbrezza.Esistono persino sistemi di in grado di rilevare ciò che state mangiando quando parlate a bocca piena, oltra a una serie di ricerche che esaminano la diagnosi delle condizioni mediche dal suono".


Gli algoritmi di analisi vocali , hanno quindi, la possibilità di identificare l'attitudine di chi parla , raccoglie messaggi inespressi e rilevare conflitti tra i vari interlocutori.
Dunque i vari Google Assistant, Alexa , Siri dovrebbero certamente farci riflettere su come l'intelligenza artificiale si stia diffondendo in modo altamente "rischioso" con possibili rischi in futuro, tra cui la possibilità di monitorarci personalmente, è questo è un rischio assai probabile secondo McLoughlin, infatti i ricercatori hanno dimostrato che non ci vuole molto a trasformare lo smartphone in un microfono attivo, e chiunque potrebbe "introdursi" di prepotenza nelle nostre vite.

Quindi il rimedio a tutto questo quale potrebbe essere ?
Di certo la consapevolezza, facendo attenzione a cosa installiamo sul telefono e stare sempre in guardia sugli accessi che l'app richiede, microfono incluso,
Quindi non fidarsi mai dei "collezionisti di dati".

Nessun commento

Powered by Blogger.