Geoblocking | cos'è e cosa cambia per lo shopping online in Europa

Il Geoblocking è stato abolito il 3 dicembre , da adesso è possibile acquistare senza blocchi in tutti i siti dell'U.E.






Finalmente è possibile acquistare in tutti i siti dell'Unione Europea senza blocchi e senza reindirizzamenti verso portali nazionali, abolita effettivamente il 3 dicembre scorso attraverso il regolamento UE 2018/302 del Parlamento europeo e del consiglio, recante misure volte ad impedire i blocchi geografici ingiustificati e altre forme di discriminazione basate sula nazionalità, sul luogo di residenza o sul luogo di stabilimento dei clienti nell'ambito del mercato interno e che modifica i regolamenti (CE), questo è quanto dice il Regolamento inerente all'abolizione.

Dunque l'Unione Europea sancisce l'abolizione delle discriminazioni e di ogni blocco ingiustificato.
D'ora in poi quindi siti, app ed interfacce varie , non avranno più la possibilità di impedire l'accesso agli utenti in quanto la posizione stessa di questi ultimi, sarà ovviamente individuata tramite indirizzo IP, di conseguenza non più "geobloccabile".
Si tratta quindi di un provvedimento che contribuisce alla realizzazione di un unico mercato digitale che prmetterà di supportare lo sviluppo commerciale, abbattendo ingiustificati blocchi geografici.
Tutto questo consentirà nei prossimi mesi ed anni, di abbattere effettivamente la barriera dei 600 miliardi di euro relativi agli acquisti in e-commerce, garantendo secondo delle previsioni, una crescita in doppia cifra in tutti Paesi dell'Unione Europea.
Da parte nostra, ci sembrava anche l'ora. 

Nessun commento

Powered by Blogger.