SKY | Sbarca nel mondo della telefonia Mobile come operatore virtuale

Anche Sky è ufficialmente entrato nel mondo della telefonia mobile, inizia la sfida a Tim e Vodafone.





Ormai sta diventando un mercato saturatissimo, parliamo del mondo della telefonia mobile , offerte su offerte , operatori su operatori, adesso è arrivato il momento di Sky, come se mancasse ancora qualcuno all'appello.

Bene è in gioco anche il super colosso di Rupert Murdoch, si chiamerà Sky Mobile.
Siamo tutti a conoscenza del servizio primario offerto da Sky , il famoso Pay tv, dove poter guardare tutto ciò che ci pare, dal calcio ai film , dai cartoni animati ai documentari, bèh, diciamo che lo svago non manca di certo. Adesso è entrata di prepotenza nel mondo del mobile , e l'idea nasce per caso, durante l'accordo con OperFiber nel marzo scorso, da che, si doveva creare un accordo per la fibra ottica per garantire una maggiore velocità ai propri clienti , si è passati ad un'altra grande idea, creare un nuovo operatore telefonico, per soddisfare ogni esigenza del cliente, il tutto sarà garantito a partire dalla primavera dell'anno prossimo (2019) , sarà a tutti gli effetti un operatore mobile virtuale, essendo parte del registro AGCOM, e si appoggerà alle infrastrutture di Tim e Vodafone, dunque un ottima copertura in tutte le zone d'Italia.
Ma i piani tariffari come saranno ?
Innanzitutto c'è da dire che con ogni probabilità si potranno costruire delle tariffe in base alle proprie esigenze ( già attive in Gran Bretagna) con un prezzo di partenza di 9,00 euro mensili, si va quindi a salire con l'aggiunta di ulteriori personalizzazioni del canone mensile, i pacchetti saranno All Inclusive e comprenderanno linea telefonica fissa, mobile ed un abbonamento multiplo per la pay tv, personalizzabile.
Tuttavia un problema che dovrà affrontare Sky in Italia , sarà proprio il modem perchè a differenza della Gran Bretagna , in Italia , il modem libero impone la scelta su quale dispositivo utilizzare per la connessione, ma sta già lavorando a questo , dimostrando che il router sia effettivamente il punto terminale della sua rete e non un solo apparato.

Nessun commento

Powered by Blogger.