CES 2019 | BMW con l'assistente alla guida quasi umano !!

Al CES di Las Vegas anche BMW presenta la sua concept insieme alla moto intelligente e all'assistente che sembra quasi umano.


Al CES la casa tedesca svela tutta la tecnologia che verrà implementata negli anni a seguire, sulle auto dello storico brand tedesco.



Le novità più concrete riguardano la moto a guida autonoma e soprattutto l'assistente , che più che un assistente sembra un essere umano, stiamo parlando di BMW Intelligent Personal Assistant che si rinnoverà in primavera come servizio di punta della casa tedesca. insieme a queste novità è stata svelata anche la nuova concept car Vision iNext , una vettura che segue la tendenza, dunque anch'essa a guida autonoma.

Ma andiamo in ordine ed iniziamo a parlare della moto che guida sola, la BMW Motorrad R 1200 GS , in grado di accendersi, accelerare e frenare piegandosi in curva in tutta autonomia, senza alcun ausilio di un pilota a bordo, compresa la messa a terra del cavalletto.
Il vero scopo però della nuova GS non è quello di guidare da sola, ma quello di offrire il massimo dell'assistenza al conducente, ottimizzando frenata, accelerazione e riconoscere le traiettorie ideali in curva, per migliorare appunto la condotta in stradale.

L'assistente , che grazie al servizio BMW OneID si potrà iniziare sfruttare già dalla prossima primavera, non è il solito assistente, ma una vera è propria personalità che cresce e migliora di giorno in giorno studiando abitudini e preferenze, oltre al solito utilizzo , che ormai conosciamo benissimo, per tutti i tipi di assistente.

Stesso discorso o quasi vale anche per la nuova Vision iNext, auto particolare quanto innovativa, infatti questo esemplare è stato progettato partendo dall'interno verso l'esterno e non viceversa, come generalmente accade nella progettazione di un'auto, infatti non è altro che un vero e proprio salotto viaggiante , con speciali tessuti sensibili al tocco , in grado , solo sfiorandoli, di gestire e controllare alcuni comandi, come ad esempio la riproduzione dei file multimediali, così come l'apertura delle portiere, che si aprono in modo simmetrico eliminando il perno centrale e formando all'interno un tutt'uno tra la portiera e il sedile per un effetto perfettamente avvolgente , all'insegna del vero confort.
Piena zeppa di altre chicche, quali l'illuminazione con una particolare luce , in cui è possibile posizionare una superficie bianca per dare vita ad un lettore ebook, ad una tela da disegno e si può trasformare anche in uno schermo da cinema, insomma, tutto quello che si possa desiderare.
Holger Hampf , presidente di Designworks , società BMW che si  occupa del design del futuro dice che: "L'auto diventa il favorite space all'insegna del minimalismo, abbiamo adottato un approccio umanocentrico mettendo il cliente al centro.Gli interni sono un benvenuto visibile già dall'esterno degli ampi finestrini e sono presenti transizioni fluide tra sedili e porte, ricreando la sensazione di un divano di casa . Il poggia testa può essere ribaltato per accomodare il gomito e favorire la socialità durante le chiacchierate".

La filosofia di quest'auto, va controcorrente rispetto ad altri concept, infatti hanno pensato bene di nascondere il più possibile elementi come display o pulsanti, per favorire una maggiore interazione, in modo tale da avere un feed back più naturale, ed è proprio qui che entra in scena l'assistente digitale.

Nessun commento

Powered by Blogger.