Aaron Swartz | Il figlio di Internet

Aaron Swartz , la vera storia sull'attivista statunitense.


Aaron Swartz è stato quello che possiamo definire il figlio di internet, noto per il suo attivismo politico , civile ed informatico, che si è tolto la vita a soli 26 anni, dopo un'accusa pesante e 35 anni di carcere.



Nato a Chicago nel 1986, già da piccolo sfoggia le sue doti informatiche , a 13 vince il premio ArsDigita, una competizione indirizzata a persone giovani per la creazione di siti web non commerciali a carattere educativo e collaborativo, il premio tra l'altro includeva anche una visita al Massachusetts Institute of Technology (MIT) e la possibilità di incontrare esperti della rete.
Chi ha avuto modo di conoscerlo lo considera una delle menti più brillanti della sua generazione , un ragazzo prodigio, con una grande voglia di aiutare gli altri a combattere le ingiustizie , conosciuto soprattutto come il ragazzo di internet che voleva rendere il mondo migliore.
Programmatore e scrittore, Aaron, come dicevamo, dimostra sin da piccolo un'intelligenza fuori dal comune , tanto da creare a soli 12 anni il suo sito web, una sorta di wikipedia , ancor prima di wikipedia (c'è da sottolinearlo), questo gli ha conferito il premio ArsDigita, tanto da indurlo a percorrere una strada da giovanissimo verso l'informatica in senso stretto, e ad entrare in contatto con molti sviluppatori, tra questi Tim Berners-Lee, vi starete chiedendo chi sia questo Tim Berners-Lee, beh, semplicemente il fondatore del world wide web, quello che tutti voi conoscete come "www" l'internet dell'era moderna.
Aaron e Tim, contribuirono quindi allo sviluppo di protocolli, software e portali che hanno segnato la storia del web, dagli RSS fino al commoms creative e Reddit, giusto per citarne alcuni.
Nei primi anni di vita , Aaron frequenta la North Shore Country Day School, una piccola scuola privata , che abbandona subito per dedicarsi a studi universitari,passando intere giornate ad interessarsi di internet e di cultura generale.
Negli anni a seguire fonda la sua prima società , Infogami, creata a supporto del progetto Open Library di Internet Archivy, e nel 2005 arriva la fusione con Reddit , che di conseguenza venne acquistata dalla casa editrice americana Condè Nast, proprietaria tra l'altro di Wired.
Aaron fu anche l'ideatore insieme a Virgil Griffith  di Tor2web, un proxy HTTP per i tor hidden service ( sistema in grado di garantire la privacy  sia all'utente che al server stesso), per consentire un accesso alla risorse della rete tor attraverso l'uso di un comune browser e nello stesso anno 2008, pubblica il Guerilla Open Access Manifesto, un libro per la difesa delle libertà di accesso alla conoscenza digitale , un indicatore importante di quello che c'è da cambiare e può essere cambiato nella cultura contemporanea.



Iniziano ben presto gli anni dell'attivismo civico e politico, interessandosi direttamente ai diritti civili e alla loro difesa, anche e soprattutto attraverso la rete , fondando il sito Watchdog.net , il sito del "buon governo con i denti" che aggregava dati inerenti la vita politica di ogni rango,  in modo tale da tener sempre sotto controllo l'operato di ogni deputato e senatore statunitense.
Lancia il Progressive Change Campaign Committee, un esperimento politico , sperando di influenzare l'azione stessa dei politici , portando un potere politico più "popolare". La notorietà vera e propria però, arriva nella protesta contro la SOPA ( Stop Online Piracy Act), la legge del governo americano che si riprometteva di punire in maniera severa chiunque violasse il copyright.
In quell'occasione Aaron si soffermò sul tema " Cema abbiamo fermato la SOPA"
"
         E' stata davvero fermata dal popolo, è lo stesso popolo che ha ucciso questa legge.E' così morta , che adesso ogni membro del congresso che prova a fare una legge che tocchi internet, deve fare prima un lungo discorso su come essa non abbia a che fare con la SOPA. E' così morta che quando lo si chiede a qualcuno del Congresso, questo si lamenta e scuote la testa , come se fosse tutto un brutto sogno che stanno cercando di dimenticare.E' così morta, che è davvero difficile credere a questa storia, davvero difficile ricordare come siamo stati vicini a farla passare. Difficile pensare coma la storia poteva andare in maniera diversa. Ma non era un incubo o un sogno, era tutto molto reale. Accadrà di nuovo , certo, avrà un altro nome e forse una scusa diversa e probabilmente farà gli stessi danni ma in modo diverso, ma non fatevi illusioni, i nemici della libertà di connettersi non sono scomparsi. Il fuoco negli occhi di questi politici non si è spento. Ci sono un sacco di persone , un sacco di persone potenti, che vogliono reprimere internet, e a essere onesti non ci sono molte persone che hanno interesse a proteggerlo, abbiamo vinto questa lotta perchè tutti sono diventati eroi della propria storia, tutti lo presero come fosse il loro lavoro salvare la libertà fondamentale , i senatori avevano ragione, internet è davvero fuori controllo"

Aaron continuò a lottare, non si fermò alle azioni e manifestazioni pubbliche. Nel 2008 grazie ad un programma scritto in Perl , scarica circa 2.7 milioni di documenti federali, ritenuti di dominio pubblico ed ospitati si server Public Access to Count Electronic Record (PACER), l'obiettivo principale di Aaron Swartz è quello di rendere questi documenti accessibili a un numero maggiore di persone , ed è qui che viene messo sotto indagine dall' FBI, ma non essendoci elementi a carico del giovane viene archiviato tutto in pochi mesi.



Ben diversa risulta essere l'operazione del 2011, con JSTOR , la biblioteca digitale online e senza scopo di lucro, il cui abbonamento però può costare decine di migliaia di dollari alle istituzioni che ne vogliano rendere disponibile l'accesso ai loro utenti, qui Aaron venne accusato dal Procuratore del Massachusetts di aver violato la legge ( dopo che nelle indagini avevano trovato e di conseguenza monitorato con una telecamera, il ripostiglio dove Aaron aveva nascosto un pc) per aver collegato direttamente alla rete informatica del MIT (Massachusetts Institute of Technology) , che gli avrebbe permesso di scaricare  rapidamente oltre 20 milioni di pagine di documenti , per un totale circa di 800 GB di dati, con l'intento di rendere i documenti disponibili sulla rete peer-to-peer.
I documenti risalivano ai primi anni del 900, erano già di dominio pubblico , ma risultava tutto coperto da copyright essendo quest'ultima una versione digitalizzata.
Questa volta L'FBI arresta il giovane e lo incrimina per accesso abusivo e illegale a sistema informatico e lo arresta, ma presto, dietro cauzione di 100.000 dollari viene liberato, in attesa di processo, con il rischio di vedersi infliggere una pena fino a 35 anni di carcere ed 1 milione di dollari di multa.
Aaron Swartz morì l'11 gennaio del 2013, impiccandosi nel suo appartamento a New York.

Era il ragazzo della rete e il vecchio mondo lo ha ucciso, dice brutalmente una giornalista che è stata anche sua partner.

The Internet's Own Boy , è disponibile anche in italiano, in versione Creative Commons,grazie alle licenze che lui stesso ha contribuito a creare.

Nessun commento

Powered by Blogger.