Google | Allarme app preinstallate nei dispositivi

Google lancia l'allarme, rilevato un aumento di app pericolose preinstallate sugli smartphone e tablet.

google malware android

L'allarme è stato lanciato direttamente da Google, sappiamo benissimo che ogni produttore , essendo di conseguenza, Android stesso basato su un codice libero, personalizza a suo piacimento la user experience di ogni dispositivo, "facilitando" la vita ai cyber-criminali e creando di conseguenza non pochi problemi agli acquirenti, Google stessa ha segnalato un aumento preoccupante di app pericolose.

I controlli sul Google Play da parte della casa di Mountain View , migliorano giorno dopo giorno , questo a causa della maggiore richiesta nel salvaguardare lo store da potenziali malware, sembra quindi che l'esperienza e la supervisione di Google debba spostarsi anche su altri canali.
Secondo il report infatti Android Security & Provacy 2018, Google segnala un preoccupante aumento di applicazioni potenzialmente dannose , preinstallate nei dispositivi Android, la colpa ovviamente non è da "scaricare" alle aziende produttrici, ma tutto va a puntare l'indice contro ovviamente dei gruppi di cyber-criminali che inseriscono, con delle tecniche di attacco rivolte alla supply chain ( ne avevamo già parlato in questo articolo che vi invito a leggere, per capire meglio le modalità di attacco : ShadowHammer ) dei malware che i produttori di conseguenza forniscono ai loro utenti, ignari di tutto ciò.

Secondo i ricercatori , queste nuove strategie sono dovute all'aumento dei controlli da parte dei colossi dell'informatica, che da un lato sono riusciti a limitare gli attacchi "standard" se così possiamo definirli, dall'altra invece , hanno aumentato inconsciamente le possibilità di attacco inverso , con una maggiore efficacia, gli hacker riescono a colpire un gran numero di utenti con il minimo sforzo.
Google in tutto ciò, oltre che lanciare un allarme generale , sta concentrando  l'attenzione sullo sviluppo di Google Play Protect, che , stando a dati raccolti nel 2018, il software in questione è riuscito a bloccare e segnalare oltre 1.6 miliardi di applicazioni potenzialmente pericolose.

Nessun commento

Powered by Blogger.